Skip navigation

Tag Archives: andare avanti

Ultimamente me lo ripeto sempre. E’ diventata una sorta di motto, di formula magica. Di obiettivo in assenza di altri obiettivi.

Fai la cosa giusta.

E’ l’unica cosa che mi fa andare avanti da quando mi è crollata la terra sotto i piedi: l’idea di star “facendo la cosa giusta” e che prima o poi verrò ricompensata.

Ma come si fa a sapere quale sia davvero la cosa giusta? Non si può saperlo con certezza. Ma credo che basti guardarsi dentro per capire qual è la cosa giusta da fare in ogni momento. Basta ascoltare la propria coscienza.

Nel mio caso ad esempio la “cosa giusta” consiste nel non adagiarmi e nell’uscire dalla mia “zona di comfort”. Quella specie di limbo malefico che ti attira a sé e ti culla, salvo poi mangiarsi fuori tutta la tua vita e il tuo tempo prezioso dando origine a mille insicurezze e sensi di colpa con gravi ripercussioni anche a livello di autostima.

Fare la cosa giusta per me in questo momento è “fare il contrario di ciò che mi risulterebbe comodo”.

Uscire dagli schemi. Uscire dalle rotaie. Uscire dalle abitudini.

Costa tantissimo, ma so che ripaga.

Ogni giorno mi “violento” imponendomi di uscire dalla mia zona di comfort. Se dovessi paragonarlo a una sensazione reale lo paragonerei ad una doccia gelata.

Non è facile. Ma non mi stancherò mai di ripeterlo (e soprattutto ripeterMElo): “Nulla che abbia un significato è facile. Facile non rientra nella vita degli adulti”.

E avanti così.

Sperando che un giorno questo peso e questo vuoto che mi porto dentro spariscano per sempre.

Annunci

Il mondo va avanti

La vita va avanti

Lui va avanti (il problema nemmeno si poneva)

Le persone deluse e tristi vanno avanti

Allora perchè io non riesco ad andare avanti?

Perchè NON RIESCO a passare oltre e con la testa son sempre ossessivamente lì?

Mi viene in mente l’episodio di True Blood in cui Hoyt si fa ammaliare dalla vampira Jessica affinchè gli cancelli dalla mente tutti i ricordi lei e di Jason. A volte vorrei che questo potere esistesse davvero. Assoldare un vampiro che mi fissi negli occhi e mi dica “tu non hai mai conosciuto A., non siete mai stati amici, e non avete mai avuto una storia. Semplicemente lui non esiste, ora è uno sconosciuto qualunque”.

Perchè per come si è comportato lui ormai per me non dovrebbe nemmeno esistere. Per me lui dovrebbe essere MORTO.